Nick Hornby, “Tutto per una ragazza” diventa un film: casting aperti

Nick Hornby è abituato a vedere i propri libri tramutarsi in film: basti pensare a Febbre a 90° (interpretato da Colin Firth), Alta fedeltà (con John Cusack), About a Boy (con Hugh Grant), Non buttiamoci giù (Pierce Brosnan, Toni Collette, Imogen Poots e Aaron Paul). In genere sono adattamenti americani, ma da qualche anno è scesa in campo anche l’Italia; nel 2012 Lucio Pellegrino ha infatti diretto E’ nata una star?, tratto dall’omonimo racconto e interpretato da Rocco Papaleo, Luciana Littizzetto e Pietro Castellitto. E adesso tocca ad Andrea Molaioli, già regista de La ragazza del lago (che ha conquistato ben dieci David di Donatello nel 2008, tra cui quello per il miglior regista) e Il gioiellino: ci sarà lui dietro la macchina da presa per la trasposizione del romanzo Tutto per una ragazza (2008, titolo originale Slam).

Il romano Molaioli – classe 1967 – firma anche la sceneggiatura insieme a Francesco Bruni, Ludovica Rampoldi; il film è prodotto dalla Indigo Film e le riprese cominceranno in primavera. Location: Roma. Quella di oggi. “Come nel romanzo – si legge in un comunicato – il protagonista è Samuele, un ragazzo di sedici anni con una grande passione per lo skateboard. Samuele passa le sue giornate con gli amici tra salti, evoluzioni e cadute, e coltiva un’amicizia tutta immaginaria con il suo eroe, Tony Hawk. Vorrebbe andare all’università, viaggiare, magari vivere in California. Vorrebbe soprattutto essere il primo della sua famiglia a non inciampare nell’errore di diventare genitore a sedici anni, come è capitato a sua mamma e a sua nonna. Ma è difficile sfuggire al singolare destino della sua famiglia“.

Il casting si è aperto da pochissimo, chi volesse partecipare può mandare una mail di presentazione (con curriculum e foto) all’indirizzo casting.tuttoperunaragazza@gmail.com. Fra l’altro si cerca un ragazzo tra i 15 e i 20 anni, preferibilmente di Roma o dintorni, anche senza esperienza nel mondo della recitazione; quello che conta è che abbia un minimo di familiarità con lo skate.

Impostazioni privacy