Assassin’s Creed, Michael Fassbender fa incontare videogame e cinema: parte la sfida

Film e videogiochi. Un binomio indissolubile, visto anche il proliferare di questo genere sul grande schermo. Per questo, gli appassionati saranno felici di sapere che finalmente Assassin’s Creed è entrato in produzione. Il progetto, di cui si parla ormai da diversi anni, era già nell’aria, sì, ma il via libera ufficiale è arrivato solo in questi giorni da Ubisoft, che coproduce la pellicola insieme a New Regency (lo stesso studio che ha realizzato già 12 anni schiavo, Birdman e Gone Girl).

Il principale protagonista della serie di videogiochi Assassin’s Creed (almeno fino al terzo capitolo) della saga è Desmond Miles, un barista venticinquenne di Manhattan, fuggito a 16 anni da un rifugio di Assassini chiamato “La Fattoria” perché incapace di comprendere il vero scopo dei suoi estenuanti allenamenti. Egli si ritrova a rivivere le memorie dei suoi antenati grazie a uno speciale dispositivo chiamato Animus per trovare dei manufatti misteriosi chiamati Frutti dell’Eden, i quali sembrano essere dotati di straordinari poteri. Inizialmente costretto dai Templari, successivamente li cercherà volontariamente assieme agli Assassini in una corsa contro il tempo per salvare il mondo da un’immane catastrofe.

La trama del film invece, non è ancora stata svelata, anche se è lecito pensare che si ispirerà proprio ai primi capitoli del videogame. Detto ciò, comunque, Assassin’s Creed ma dovrebbe arrivare nelle sale il 21 dicembre 2016. Protagonista assoluto, l’attore Michael Fassbender che figura anche nelle vesti di produttore. A dirigere il film c’è, invece, Justin Kurzel, mentre l’ultima versione della sceneggiatura è stata firmata da Adam Cooper e Bill Collage. Nel cast, dovrebbe esserci anche l’attrice Marion Cotillard (che ha già al fianco di Fassbender nell’ultima versione cinematografica di Macbeth di prossima uscita) diretto dallo stesso Kurzel. Un gruppo più che collaudato, dunque, in cerca di consacrazione.

Foto by Facebook

Impostazioni privacy