Da Jessica Alba a Gwyneth Paltrow: ecco le prime serie tv di Apple

Apple ha annunciato le prime serie tv originali in arrivo su Apple Music, servizio in streaming che conta “già ben oltre 20 milioni di abbonati”: si tratta di “Planet of the Apps” (programma incentrato sugli sviluppatori di applicazioni, con Jessica Alba, Gwyneth Paltrow, Will.I.Am e Gary Vaynerchuk) e “Carpool Karaoke: The Series” (serie tv basata sul Carpool Karaoke, segmento ricorrente del “Late Show with James Corden” in cui il presentatore invita cantanti famosi a cantare le loro canzoni all’interno di un’automobile). L’annuncio è stato dato dal vice presidente di Apple Eddie Cue in occasione di una conferenza tecnologica organizzata da Recode.

Netflix e Amazon sono avvisati: Apple ha deciso di scommettere sulla produzione di serie tv originali per differenziale l’offerta di Apple Music, servizio in streaming che conta “già ben oltre 20 milioni di abbonati”. Il vice presidente di Apple Eddie Cue – in occasione di una conferenza tecnologica organizzata da Recode – ha annunciato l’arrivo delle prime due serie tv originali firmate Apple: Planet of the Apps e Carpool Karaoke: The Series.

Planet of the Apps è un format incentrato sugli sviluppatori di applicazioni, che all’interno dello show devono far valere la loro idea al cospetto di una giuria composta da Jessica Alba, Gwyneth Paltrow, Will.I.Am e Gary Vaynerchuk. I vincitori del programma vedranno la loro app finanziata da Apple e pubblicata all’interno dell’Apple Store. Carpool Karaoke: The Series è invece una serie tv basata sul Carpool Karaoke, un segmento ricorrente all’interno del Late Show with James Corden: il presentatore invita i cantanti a cantare i loro successi all’interno di un’automobile in corsa.

Apple Music è un servizio di musica in streaming lanciato dall’azienda di Cupertino nel giugno 2015. A febbraio 2016, l’azienda ha annunciato il raggiungimento degli 11 milioni di abbonati, mentre lo scorso dicembre Apple ha festeggiato il traguardo dei 20 milioni.

C4oyrIoWQAEtokk

Photo Credits: Twitter

Impostazioni privacy