Mel Gibson: pronto per girare “Resurrezione” il sequel de “La Passione di Cristo”

Mel Gibson avrebbe deciso di girare il sequel del film “La passione di Cristo”. La pellicola, uscita nel 2004, racconta gli ultimi giorni di vita di Gesù e scatenò più di una polemica sia per la crudezza delle immagini, sia per come il regista decise di rappresentare i giudei, decisione che gli valse più di un’accusa di antisemitismo.

Il nuovo film sarà incentrato sulla resurrezione di Cristo, a confermarlo è lo sceneggiatore Randall Wallace – nomination all’Oscar per “Braveheart” – queste le sue parole: “c’è ancora molto da raccontare”.  Aggiungendo: “Ho sempre voluto raccontare questa storia”, “La passione è l’inizio, ma c’è molto di più da raccontare di questa storia”. Lo sceneggiatore ha confermato che lui e Mel hanno discusso di questa idea mentre lavoravano insieme sull’ultima pellicola da regista di Gibson a 10 anni da “Apocalypto”. “Hacksaw Ridge”, in uscita ad inizio di novembre, è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. Il protagonista Andrew Garfield interpreta Desmond Doss un medico realmente esistito, che fu il primo obiettore di coscienza a ricevere la Medaglia d’Onore del Congresso.

Wallace è un grande studioso di questi argomenti, di recente ha lavorato al dramma religioso “Il Paradiso per davvero”, assicurando che la comunità cristiana reclama dal 2004 un sequel de “La Passione di Cristo”. “La comunità evangelica considera “La Passione” il film più importante mai uscito da Hollywood e continuano a dirci che pensano che un sequel sarebbe un’opera ancora più grande”.

gibson sequel passione

Ancora nessuna notizia per quanto riguarda cast e budget della “Resurrezione”: “È troppo presto per parlare di denaro. Questo è un argomento enorme e sacro” ha dichiarato Wallace. “La Passione” è costato 30 milioni di dollari ed è stato girato interamente in Italia, tra Matera e Cinecittà. La pellicola è il film indipendente di maggior successo nella storia del cinema, riuscirà Mel a bissare il successo con la “Resurrezione”?

Photo Credits Facebook

Impostazioni privacy