Un lupo mannaro americano a Londra: Max Landis al lavoro sul remake?

Max Landis, sceneggiatore e regista statunitense, ha recentemente twittato un’affermazione che lascia intendere la sua volontà di mettersi al lavoro sullo sviluppo del remake di una pellicola che ha visto come regista il padre, John Landis.

Queste le sue parole: “C’è una domanda che mi gira in testa da molto tempo e ora ho la risposta. C’è solo uno dei film di mio padre che sono disposto tentare di rifare… e lo sto già facendo”. John Landis ha diretto una moltitudine di film fondamentali per la storia del cinema, tra i tanti, The Blues Brothers, Una poltrona per due, Beverly Hills Cop III, Il principe cerca moglie, Animal House e forse, tra i più importanti della sua carriera, Un lupo mannaro americano a Londra.

lupomannaroamericanolondra

Stando alle ultime indiscrezioni, Max Landis sarebbe proprio lavorando al remake di quest’ultimo. L’originale classico del 1981 con David Naughton, Jenny Agutter e Griffin Dunne vinse un Oscar per il miglior trucco e hairstyling. La trama della pellicola originale vede due giovani studenti americani, Jack e David, partire per una lunga vacanza di tre mesi. Arrivati nell’Inghilterra del Nord, vengono lasciati dall’autista che ha dato loro un passaggio in una zona di brughiera popolata da gente rude e inospitale, con l’unica raccomandazione di non abbandonare il sentiero e di fare attenzione alla luna. Nella notte, i due vengono assaliti da una creatura mostruosa. Jack viene dilaniato mentre David, salvato dall’intervento degli abitanti del villaggio, viene soltanto ferito. Privo di conoscenza, David vene trasportato in un ospedale londinese dove si risveglia tre settimane dopo. Tutto sembrerebbe normale, se il ragazzo non fosse angosciato da incubi spaventosi e non dicesse di essere stato attaccato da un lupo. Solo un medico, il dottor Hirsch, si incuriosisce ai suoi racconti e decide di andare a fondo nella questione. In ospedale, David conosce Alex, un’infermiera che si innamora di lui e si offre di ospitarlo una volta ristabilitosi. I suoi incubi però continuano a tormentarlo e la notte di plenilunio si avvicina…

Photo credits Facebook

Impostazioni privacy