Cinepanettoni, dove nasce questo termine? Massimo Boldi, Christian De Sica e…

Un termine che ha segnato una parte della storia del cinema italiano. Vediamo da dove viene la parola Cinepanettoni.

Per alcuni sono stati una innocua moda che ha segnato una pagina importante del cinema in Italia, per altri sono il cancro che ha affossato il cinema italiano per un ventennio. Da che parte la si guardi, i cinepanettoni sono stati un fenomeno importante ed affascinante del nostro cinema.

L'epoca d'oro dei cinepanettoni
Da dove viene il termine Cinepanettone? – ANSA – velvetcinema.it

Il cinepanettone si è configurato come un sottogenere cinematografico della commedia comica le cui peculiarità sono: comicità greve e volgare, riferimenti sessuali più o meno espliciti e gag slapstick. Il genere affonda le sue radici nella commedia all’italiana degli anni ’70 di cui, a seconda dei pareri, può essere visto come un’evoluzione o una degenerazione.

Padri del genere sono i fratelli Carlo ed Enrico Vanzina, registi di Sapore di Mare (1982), un grande successo commerciale che portò la Filmauro di Aurelio De Laurentis a produrre un secondo film sulle vacanze, ma ambientato in montagna nel periodo natalizio. Vacanze di Natale (1983) dei fratelli Vanzina è considerato un precursore del genere, mentre l’affermazione completa del genere fu nel 1990 con Vacanze di Natale ’90 di Enrico Oldoini. Quest’ultimo viene riconosciuto come il primo cinepanettone perché fu il film in cui si formò il sodalizio tra i due attori che diventeranno i volti del genere: Massimo Boldi e Christian de Sica.

Il termine Cinepanettone

Da quel momento e per tutti gli anni ’90 e 2000 i cinepanettoni diventarono una tradizione delle feste. Ogni anno sotto natale o in piena estate usciva il film di natale targato de Laurentis con protagonisti de Sica e Boldi. Il termine stesso di riferimento del genere fa riferimento a questo appuntamento cadenzato, coniato dalla critica più severa in senso dispregiativo per denigrare la bassa qualità di immagine proposta da questi film.

Il canto del cigno dei cinepanettoni
Amici Come Prima è da intendere come la fine simbolica del genere dei Cinepanettoni – ANSA – velvetcinema.it

La critica più moderata e clemente li definisce una evoluzione delle commedie leggere di Totò degli anni ’70. Al contrario i critici più severi vedono nei cinepanettoni nient’altro che una sequela ripetuta all’infinito di volgarità che non propone niente di realmente comico. In alcuni casi questi film vengono visti come un sintomo della degenerazione culturale dell’Italia durante il ventennio berlusconiano.

Il periodo d’oro dei cinepanettoni arriva fino al 2011 con Vacanze di Natale a Cortina, ultimo film prodotto da de Laurentis. Intanto il sodalizio tra Boldi e de Sica si era sciolto ed entrambi avevano continuato a recitare in cinepanettoni singolarmente, creando due filoni paralleli e in competizione. L’interesse del pubblico era intanto scemata e negli anni successivi i cinepanettoni videro incassi sempre più bassi. Il film Amici Come Prima (2018) e Natale su Marte (2020), entrambi con incassi ridicoli se rapportati ai film dell’epoca d’oro, vengono intesi come un canto del cigno del genere che ha dominato i cinema italiani per oltre trent’anni.

Impostazioni privacy