Baywatch, il film: Pamela Anderson rifiuta il ruolo, ma c’è ancora una speranza

Ormai sono passati due anni da quando è stata annunciata la volontà di realizzare un film sulla serie culto Baywatch e che a portare avanti il progetto era Dwayne Johnson. Proprio l’attore pare il più entusiasta all’idea che ha coltivato, riuscendo a convincere produzione, regista e altri interpreti, proprio come ha fatto Ryan Reynolds per il cinecomic Deadpool, che inizialmente nessuno voleva realizzare. Ebbene ora il progetto è divenuto realtà e sono iniziate le riprese di questo kolossal che può contare sulla presenza di Zac Efron (sempre più a suo agio senza maglietta), la star in ascesa Alexandra Daddario, l’ex Miss Mondo 2000 Priyanka Chopra (tra i protagonisti della serie Quantico) e la modella (nonché ex compagna di Leonardo DiCaprio) Kelly Rohrbach, la quale è stata scelta per il ruolo di C.J. Parker, interpretata nella serie originale da Pamela Anderson.

A proposito dell’ex bagnina più famosa (e formosa) del piccolo schermo, il suo cammeo nella pellicola era tanto atteso quanto dato per scontato, eppure qualcosa è andato storto a quanto pare. Intervista sull’argomento da ET Canada, la Anderson ha detto: “Non ho ancora accantonato l’idea ma ho rifiutato l’offerta che mi hanno fatto. Vedremo cosa succederà, non ho ancora letto la sceneggiatura, non ho la minima idea di cosa parli. Baywatch è stato una parte importante della mia vita. Stanno cercando di omaggiarlo ed è un vero onore che loro vogliano coinvolgermi“.

Confermato quindi l’interesse della produzione (e ci mancherebbe), ma a quanto pare la parte che le era stata riservata non le è piaciuta. Riusciranno a farla partecipare al film in qualche altro modo? Non ci dovrebbero essere problemi invece per David Hasselhoff, sempre disponibile e ironico nel mettersi in gioco e prendersi anche un po’ in giro. Quel che è sicuro è che le sorprese di questo film non sono finite, visto che si parla di altre star dello showbiz come Kendall Jenner. L’uscita nelle sale è stata fissata per il 19 maggio 2017.

Foto Credits Facebook

Impostazioni privacy