Pokémon: dopo il successo di Pokémon Go, Hollywood interessata ad un film live action

In questi giorni è scoppiata la Pokémon-mania, con l’uscita Pokémon Go, il gioco per smartphone che ha già fatto schizzare le azioni Nintendo alle stelle.

Hollywood Reporter riporta una notizia secondo la quale, un’asta per i diritti di produzione di un film sui Pokémon sarebbe ormai vicina alla conclusione: sia Warner Bros. che Sony avrebbero mostrato interesse nell’acquistare i diritti, ma pare che, al momento, sia la Legendary Entertainment ad avere le maggiori chances di assicurarsi il franchise. Secondo il sito, non è stato ancora elaborato alcun accordo per lo sfruttamento dei diritti, ma il successo di Pokémon Go dovrebbe accelerare il processo.

A spingere per la realizzazione di un live-action ad alto budget con protagonisti Pikachu e soci, pare sia stata la The Pokémon Company (società affiliata alla Nintendo, che si occupa di tutti i prodotti collegati alla serie di videogiochi Pokémon). All’inizio, la Warner Bros. sembrava essere la favorita, fu proprio la casa di produzione cinematografica a gestire la distribusione dei primi tre film animati sui Pokémon, ma l’enorme disponibilità economica della Legendary, che da gennaio fa parte del gruppo cinese Dalian Wanda, avrebbe fatto pendere l’ago della bilancia verso quest’ultima.

Pokemon-banner.jpg.optimal

Pokémon è un media franchise giapponese di proprietà della The Pokémon Company della Nintendo e creato nel 1996 da Satoshi Tajiri. È incentrato su delle creature immaginarie chiamate “Pokémon”, che gli umani possono catturare, allenare e far combattere per divertimento. Il franchise nasce come coppia di videogiochi sviluppati da Game Freak e pubblicati da Nintendo per la console portatile Game Boy. L’enorme successo ottenuto in tutto il mondo ha portato alla creazione di ulteriori videogiochi, anime, film, manga, un gioco di carte collezionabili, libri, innumerevoli gadget e giocattoli. Secondo stime della The Pokémon Company aggiornate al 2013 e riportate dalla rivista giapponese Famitsū, il franchise ha generato introiti per 4000 miliardi di yen, di cui 1800 in Giappone e 2200 all’estero. Al 2016 l’azienda dichiara oltre 275 milioni di videogiochi venduti in tutto il mondo.

Seguiteci per rimanere aggiornati sugli ulteriori sviluppi.

Photo credits Facebook

Impostazioni privacy