Dal 26 settembre: “Bling Ring”, “Universitari – Molto più che amici”…

Quali sono le novità cinematografiche in questa settimana? Uscirà il tanto atteso Bling Ring (la conferenza stampa a Roma) di Sofia Coppola con Emma Watson, Israel Broussard, Katie Chang, Claire Julien, Taissa Farmiga e Georgia Rock. La storia vera di un gruppo di teenager americani che tra il 2008 e il 2009 riuscirono a introdursi nelle ville di alcune fra le star più note portando via oltre tre milioni di dollari in beni di lusso. Sempre in America con Sotto assedio – White House Down (leggi la trama), il nuovo action thriller di Roland Emmerich che vede protagonisti Channing Tatum e Jamie Foxx: il primo interpreta l’agente di polizia di Washington John Cale, che vede naufragare il sogno di lavorare nei Servizi Segreti e riceve invece l’incarico di proteggere il Presidente James Sawyer.

Altro thriller americano: Redemption – Identità nascoste (leggi la recensione): debutto alla regia dello sceneggiatore Steven Knight con Jason Statham, Agata Buzek, Vicky McClure, Benedict Wong e David Bradley. Si passa invece in Inghilterra con La fine del mondo, il terzo episodio della trilogia demenziale di Edgar Wright (regista) e Simon Pegg (protagonista) e con Simon Pegg, Nick Frost, Paddy Considine, Martin Freeman e Eddie Marsan.

Per l’Italia sono due i film in uscita: Universitari – Molto più che amici (leggi la trama) di Federico Moccia e con un cast d’eccezione: Barbara De Rossi, Brice Martinet, Enrico Silvestrin, Luis Molteni, Maria Chiara Centorami, Maurizio Mattioli, Nadir Caselli, Paola Minaccioni, Primo Reggiani, Sara Cardinaletti, Simone Riccioni. Sarebbe stato facile (leggi la trama) di Graziano Salvadori invece è una commedia tutta italiana che affronta, con delicatezza e sensibilità, un tema di grande attualità: i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Altro tema gay con Lo sconosciuto del lago (leggi la recensione), firmato dal regista francese Alain Guiraudie. A Cannes ha fatto scandalo, ma ha ricevuto anche molte ovazioni. In Francia è vietato ai minori di 16 anni, mentre in Italia a quelli di 18. Si candida lo stesso a diventare uno dei casi cinematografici dell’anno. Sempre francese è infine il documentario Vado a scuola di Pascal Plisson, la toccante storia di quattro bambini che hanno voglia di imparare e di andare a scuola.

Foto by Kikapress

Impostazioni privacy