Film incredibili tratti da storie vere: pellicole insospettabili

Cinema e storie vere, quali sono le pellicole che insospettabilmente sono state tratte da fatti realmente accaduti.

Quando nei titoli di apertura di un film troviamo scritto ‘tratto da una storia vera’, la curiosità tendenzialmente aumenta. Soprattutto se stiamo per visionare qualche pellicola che tratta fatti di cronaca, storie con una trama particolarmente macabra, eventi che sembrano poter essere solo frutto di qualche mente contorta.

Com’è noto tuttavia la realtà – anche quella più raccapricciante – spesso supera la fantasia. Quali sono i film che hanno tratto la loro origine da storie realmente accadute?

Film tratti da storie vere: quando la realtà aiuta il cinema

Uno dei film più amati del regista Martin Scorsese, è basato sui fatti riguardanti la vita di una famiglia mafiosa. Si tratta di ‘Quei bravi ragazzi’ (Goodfellas) del 1990. Nel cast Ray Liotta, Robert De Niro e Joe Pesci. È basato sul bestseller di saggistica del 1986 Wiseguy, ed è incentrato sulla vita del socio della famiglia criminale Lucchese, Henry Hill.

Dietro la famosa pellicola di Steven Spielberg, ‘Lo Squalo’ (Jaws), si cela una terribile storia realmente accaduta negli Stati Uniti. Degli attacchi di squali risalenti al 1916 in New Jersey, noti come gli attacchi di Jersey Shore in cui vennero uccise 4 persone. Una vicenda che sconvolse un’intera nazione di cui abbiamo parlato in modo più approfondito in questo articolo.

film storie vere
Una scena del film ‘La finestra sul cortile’ (screen YouTube) – VelvetCinema.it

Un altro grande classico del cinema, diretto dal maestro del brivido, Alfred Hitchcock nel 1954 è ‘La finestra sul cortile’ (Rear Window), uno dei suoi più grandi film con un cast eccezionale formato da James Stewart, Grace Kelly e Thelma Ritter. Hitchcock stesso ha affermato a riguardo:

“Ho usato due notizie della stampa britannica. Una era il caso Patrick Mahon e l’altra era il caso del dottor Crippen. Nel caso Mahon, l’uomo ha ucciso una ragazza in un bungalow sul lungomare di Inghilterra del sud. Fece a pezzi il corpo e lo gettò, pezzo per pezzo, fuori dal finestrino di un treno. Ma non sapeva cosa fare con la testa, ed è lì che mi è venuta l’idea di far cercare la testa della vittima nella finestra sul cortile.”

Un altro film inquietante e sinistro ‘Nightmare – Dal profondo della notte’ di Wes Craven del 1984. Il film trae spunto da un evento tragico. Il regista stesso ha infatti spiegato che ha avuto l’idea del film dopo aver letto un articolo di giornale su una famiglia sopravvissuta ai campi di sterminio in Cambogia e successivamente fuggita in America.

pellicole basate su storie vere
Una scena del film ‘Nightmare – Dal profondo della notte’ (screen YouTube) – VelvetCinema.it

L’articolo parla del figlio più giovane che aveva iniziato a sperimentare incubi vividi e orribili, al punto di smettere di dormire. Una notte, quando finalmente si era riuscito ad addormentare, i suoi genitori vennero svegliati da un forte urlo. Ma quando raggiunsero il figlio, era morto.

Da una vicenda terribile ed inquietante ad una romantica e molto particolare. Il famoso film ’50 volte il primo bacio’ è incredibilmente ispirato ad una situazione reale. Nel film la protagonista si dimentica ogni mattina del suo corteggiatore, stiamo parlando di Adam Sandler e Drew Barrymore che interpretano rispettivamente Henry e Lucy.

La storia è ispirata alla vicenda reale di Michelle Philpots, che a causa di due gravi ferite alla testa ha sviluppato una rara forma di amnesia e non è quindi in grado di creare ricordi recenti. La sua memoria si resetta ogni mattina e il marito ogni giorno deve farle da promemoria in merito alla loro relazione.

La terribile vicenda narrata nel film ‘Room’, del 2015 con Brie Larson, dove una donna è prigioniera insieme a suo figlio di cinque anni, è ispirata a dei fatti reali. La donna nel film è stata rapita e tenuta in ostaggio per sette anni. Il film è ispirato alla vicenda di Josef Fritzl, un uomo che ha rapito la figlia nel 1984. L’ha tenuta in prigioniera 24 anni e l’ha sottoposta a degli abusi che l’hanno portata ad avere da lui sette figli.

film amati tratti da storie vere
Una scena del film ‘La morte corre sul fiume’ (screen YouTube) – VelvetCinema.it

Un altro grande classico da brividi, ‘La morte corre sul fiume’ (The Night of the Hunter) del 1955 diretto da Charles Laughton con Robert Mitchum. Nel film, Mitchum interpreta un terribile serial killer che odia le donne e le sposa per arrivare ai loro soldi, poi le uccide.

La storia è basata su un truffatore della West Virginia che nel periodo della Depressione metteva annunci sulle agenzie matrimoniali attendendo che donne disperate gli scrivessero. A quel punto si descriveva come un imprenditore in cerca di moglie. Una volta conquistata la fiducia della donna, la strangolava per rubarne i risparmi. L’uomo prima di essere fermato, con questo metodo ha ucciso due donne e tre bambini.

Il film ‘Codice d’onore’ (A Few Good Men) del 1992 di Rob Reiner, dove un avvocato della Marina (Tom Cruise) difende due marines accusati di aver ucciso un compagno durante un “Codice Rosso”. Nella vita reale, la storia che ha ispirato il film era incentrata su un marine di nome William Alvarado (William Santiago nel film). Alvarado prestava servizio presso l’installazione della Marina a Guantanamo Bay, e il suo compito era quello di fare la guardia ai margini della base, tenendo d’occhio i soldati cubani dall’altra parte del perimetro.

Sfortunatamente Alvarado non era molto popolare nel suo plotone, poiché i suoi compagni marines credevano che avesse denunciato una guardia che aveva sparato con la sua arma nel territorio cubano. Dieci Marines lo hanno bendato e imbavagliato e picchiato. L’uomo a causa delle botte subite ha perso conoscenza ma a differenza del film, nella vita reale è sopravvissuto.

film ispirati storie reali
Una scena del film ‘Codice d’onore’ (screen YouTube) – VelvetCinema.it

Sette degli uomini coinvolti hanno accettato il congedo con disonore. Tuttavia, i tre marines rimasti hanno rischiato in tribunale, dove hanno affermato che stavano solo obbedendo ai loro ufficiali in comando.

Perfino lo splendido film ‘Will Hunting – Genio Ribelle’ (Good Will Hunting) del 1997 di Gus Van Sant, trae origine da fatti reali. La famosa e amatissima pellicola con Robin Williams, Matt Damon e Ben Affleck si concentra su un ragazzo molto intelligente (Matt Damon) che ha bisogno di aiuto per reindirizzare il suo percorso di vita per trovare la sua vera identità.

Secondo Matt Damon, il film, scritto magnificamente dall’attore stesso, presentava alcune scene vagamente basate su episodi accaduti con suo fratello: “Stava visitando un fisico che conoscevamo al MIT e stava camminando lungo un corridoio Infinito. Lui ha visto quelle lavagne che fiancheggiano i corridoi. Quindi mio fratello, che è un artista, ha preso del gesso e ha scritto una versione incredibilmente elaborata e totalmente falsa di un’equazione. Ed era così bello e completamente folle che nessuno l’ha cancellata per mesi”.

film trama storie vere
La locandina del film ‘Will Hunting – Genio Ribelle’ (foto Ansa) – VelvetCinema.it

Anche il dramma romantico ‘Le pagine della nostra vita’(The Notebook) trae ispirazione da una storia reale. La vicenda parla di due giovani che si innamorano ma sono di due classi sociali differenti. Il film è tratto da un romanzo di Nicholas Sparks, l’autore in realtà ha basato il suo racconto sulla storia dei nonni di sua moglie che sono stati insieme per oltre 60 anni:

“The Notebook è stato originariamente ispirato dalla storia dei nonni di mia moglie. Avevano una relazione rara e bellissima, che ha resistito la prova del tempo e delle circostanze”.

Impostazioni privacy